Annunci in diretta: proteste in Kazakistan – The New York Times

debito…Powell Mikayev/Reuters

Violente proteste contro il governo infuriano in Kazakistan, alcuni dei più grandi giacimenti petroliferi della terra e più del 40% della produzione mondiale di uranio.

Finora i disordini non sembrano aver ridotto la produzione di petrolio o uranio, ma ha il potenziale per diffondersi nei mercati energetici chiave.

I prezzi dell’uranio, che sono aumentati negli ultimi mesi nella speranza di una ripresa dell’industria nucleare di fronte ai cambiamenti climatici, sono aumentati dell’8 per cento mercoledì tra le notizie di conflitti nel paese dell’Asia centrale. I dati del governo degli Stati Uniti mostrano che il 22% dell’uranio acquistato dalle centrali nucleari negli Stati Uniti entro il 2020 proveniva dal Kazakistan. “Senza il Kazakistan ora, l’uranio non sarebbe disponibile in nessuna parte del mondo”, ha affermato Jonathan Hines, presidente dell’UxC, che sovrintende al mercato.

Qualsiasi calo della produzione di petrolio dal Kazakistan, che produce circa il 2% dell’offerta mondiale, potrebbe già essere avvertito nel mercato ristretto. Alcuni produttori di petrolio non hanno rispettato la quota L’OPEC Plus è stato assegnato loro in base a contratti noti come Producers Group.

Il Kazakistan, membro del gruppo, ha notevolmente superato la sua quota ed è uno dei pochi produttori che potrebbe aumentare la produzione nei prossimi mesi.

Come parte di una riflessione sulle preoccupazioni per i disordini kazaki, giovedì i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 2% nel commercio di futures nei mercati globali.

“Questo è un rischio di distribuzione che non è sugli schermi radar di nessuno”, ha affermato Phil Farn-Price, direttore dell’intelligence presso la società di ricerca energetica Enverse. Ha detto che gli analisti petroliferi si sono in gran parte concentrati su problemi altrove, compresi i recenti tagli alla produzione in Libia a causa di tensioni e disordini politici tra Arabia Saudita e Iran.

READ  Derek Chavez si dichiara colpevole in tribunale federale per aver violato i diritti civili di George Floyd

Il Kazakistan è stato una calamita per gli investimenti energetici occidentali sin dall’indipendenza con il crollo dell’Unione Sovietica tre decenni fa. Il giacimento petrolifero di Dengis nella parte occidentale del paese vicino al Mar Caspio è uno dei più grandi al mondo. Chevron ed ExxonMobil sono le due maggiori compagnie petrolifere statunitensi Sono nel mezzo di un’espansione stimata di $ 37 miliardi Nel settore di Tengiz, è la principale fonte di reddito di Chevron.

Exxon, Shell, la francese Total e l’italiana Eni sono tutti partner in un altro importante settore del Caspio, Casagan.

Questi settori hanno contribuito a trasformare il Kazakistan in un importante produttore di petrolio, producendo circa 1,6 milioni di barili al giorno (più della Nigeria, paragonabile al Messico) e uno dei pochi in crescita. Le operazioni petrolifere sono un’importante fonte di entrate per il governo kazako.

I campi si trovano in aree remote, ma i lavoratori del petrolio hanno protestato nel settore del tennis gestito dalla Chevron per protestare contro le proteste.

Tengizchevroil, la joint venture guidata dalla Chevron del paese, ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che “un gran numero di lavoratori a contratto nel settore della dengue si è riunito a sostegno delle proteste in corso in tutto il Kazakistan”. Ha aggiunto: “Le attività di produzione continuano”.

Sig. Foreign-Price ha affermato che la posizione di questi campi preverrebbe l’interruzione. Ma se i disordini si intensificano, le compagnie petrolifere incontreranno problemi, come difficoltà nello spostamento di persone e nella consegna di merci all’interno e all’esterno delle basi.

Un’interruzione diffusa potrebbe anche influenzare le opportunità di investimento e di credito del Kazakistan.

READ  I medici dell'UNMC sollecitano la vaccinazione mentre gli esperti imparano di più su Omigran

Giovedì, Standard & Poor’s, un gruppo di rating del credito, ha attribuito le cosiddette “debolezze strutturali” ai disordini interni nelle società del Kazakistan. L’agenzia ha affermato che la politica del governo è soggetta al cosiddetto “rischio di successione”, osservando che il leader di lunga data Narsultan Nazarbayev ha prestato giuramento da un altro potente presidente, Qasim-Jomar Tokayev, nel 2019 e che “la corruzione è stata percepita come alta” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *