Israele si attiene al 4° vaccino, la prossima settimana vedrà il declino dell’ondata di Omigron

GERUSALEMME, 18 gen. (Reuters) – Israele continuerà a emettere un quarto vaccino contro il COVID-19 nonostante i primi risultati secondo cui non è sufficiente per prevenire le infezioni da Omigran, ha affermato martedì il ministero della salute, prevedendo una riduzione delle infezioni causate dalla variante. Settimana.

Poiché il suo governo ha ridotto le contromisure di Omigran per allentare la pressione sull’economia, il primo ministro Naphtali Bennett ha cercato di inviare più numeri di casi israeliani principalmente come risultato di un test drive su scala più ampia rispetto ai tassi di infezione.

Il paese, che ha rilasciato il vaccino più velocemente un anno fa, il mese scorso ha iniziato a somministrare un quarto colpo – noto anche come secondo richiamo – ai suoi gruppi più vulnerabili e ad alto rischio.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

In uno studio iniziale pubblicato lunedì da un ospedale israeliano, il quarto colpo ha aumentato gli anticorpi a livelli superiori al terzo, ma probabilmente non è stato sufficiente a prevenire l’omigran altamente contagioso. Per saperne di più

Nachman Ash, direttore generale del Ministero della Salute, ha descritto i risultati come “non sorprendenti” poiché sono state segnalate infezioni da Omigran nei riceventi la quarta dose.

Il 20 dicembre 2020, presso il Tel Aviv Saurasky Medical Center (Ichilov Hospital) di Tel Aviv, Israele, un operatore sanitario prepara un vaccino per il virus corona (COVID-19) mentre Israele lancia la campagna di vaccinazione contro il virus Corona. REUTERS / Ronen Zvulun

Ma “la protezione da malattie gravi, in particolare gli anziani e a rischio, è ancora fornita da questo vaccino (dose), quindi esorto le persone a continuare a essere vaccinate”, ha detto alla radio militare.

READ  Sidney Poitier è morto all'età di 94 anni

Come altrove, Israele ha assistito a un’ondata di casi di COVID-19 a causa di Omicron. Ma non ha registrato decessi per la variante e Ash ha affermato che non vi è stato alcun aumento dei pazienti COVID-19 sulle macchine ECMO, una misura dei casi più importanti.

“Tra un’altra settimana inizieremo a vedere un calo dei numeri, ma ci sono ancora due o tre settimane difficili”, ha affermato, aggiungendo che alcuni computer del ministero della salute sono stati sovraccarichi di dati di test da domenica, interrompendo gli aggiornamenti.

Parlando al World Economic Forum di Davos, Bennett ha affermato che Israele sta testando il 5% dei suoi 9,4 milioni di persone ogni giorno per COVID-19, “perché il numero di casi è così alto che molte persone non ne sono colpite”.

“Facendo questi test possiamo isolare le persone e rallentare il ritmo dell’infezione”, ha detto.

Israele lunedì ha ridotto a cinque giorni il periodo di isolamento obbligatorio per i vettori COVID-19. Ulteriori informazioni Proteggi le PCR e riduci le code nei siti di test pubblici, il che incoraggia l’uso di strumenti antigenici domestici. Martedì, il governo ha dichiarato che fornirà gratuitamente agli israeliani da 25 a 30 milioni di kit.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Scritto da Don Williams; Rapporto aggiuntivo di Steven Skeer; Montaggio di Andrew Heavens, Frank Jack Daniel, William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.