La banca centrale turca ha tagliato i tassi, mandando la lira ai massimi storici

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è rivolto ai media dopo una riunione del gabinetto l’8 dicembre 2021 ad Ankara, in Turchia.

Murad Chettinmuhurthar | Reuters

La banca centrale turca ha votato giovedì per ridurre il tasso chiave dei pronti contro termine settimanale del paese dal 15% al ​​14%, portando la lira a un nuovo record di 15,5 contro il dollaro subito dopo la notizia.

La valuta aveva già superato quota 15 contro il dollaro nelle poche ore precedenti la decisione poiché i mercati si aspettavano un taglio dei tassi. La lira è stata scambiata intorno alle 15,51 contro il dollaro dopo le 14 a Istanbul.

L’inflazione nel paese di 84 milioni è ora superiore al 21% ed è aumentata costantemente da quando il presidente Recep Tayyip Erdogan si è rifiutato di aumentare i tassi, il che significa che il potere d’acquisto dei turchi pagati localmente è crollato. Il Lira Ha perso il 50% del suo valore contro Dollaro Di anno in giorno.

Investitori ed economisti hanno esortato Erdogan a invertire la rotta, ma finora è stato coinvolto nella sua straordinaria convinzione che tassi più elevati peggioreranno l’inflazione piuttosto che raffreddarla.

Il rapporto della banca ha raccomandato di sospendere il ciclo di svalutazione della valuta all’inizio del prossimo anno e di monitorarne gli effetti nei prossimi tre mesi.

Tuttavia, Jason Dwey, un economista senior dei mercati emergenti nell’economia del capitale, afferma: “La lira è sotto pressione e i controlli sui capitali sono possibili”.

“L’azione di oggi fornisce ulteriori prove del fatto che gli sviluppi macro giocano un ruolo limitato nella formulazione della politica del CPRT”, ha scritto Dwayne in una nota giovedì, osservando che la lira è scesa del 36% rispetto al dollaro solo dall’inizio di novembre. . L’inflazione dovrebbe salire al 30% nei prossimi mesi.

READ  Tecnologia 5G: alcune compagnie aeree statunitensi hanno sospeso i voli a causa di problemi di distribuzione

“Ma il presidente Erdogan ha continuato a ordinare la CBRT altamente raffinata per testare la sua visione non convenzionale secondo cui sono necessari tassi di interesse più bassi per ridurre l’inflazione”, ha affermato Tuvey.

La decisione segue una serie di tagli dei tassi a lungo termine da parte della banca centrale, che è vista dai mercati come non indipendente da Erdogan, che ha definito i tassi di interesse “la madre di tutti i mali”. Ha licenziato diversi funzionari di banche centrali negli ultimi due anni, inclusi tre governatori di banche centrali, a causa di differenze politiche. I tassi di interesse sono ora scesi di un totale di 500 punti base da settembre.

La banca centrale turca ha annunciato lunedì che sarebbe intervenuta direttamente sul mercato dei cambi, vendendo dollari per arginare la lira. Ma con riserve FX limitate già in atto, gli analisti sono scettici sul fatto che la strategia funzionerà.

Gli analisti definiscono l’attuale radice della lira la seconda crisi valutaria per la Turchia in tre anni. Già nella prima metà del 2018 gli investitori avevano avvertito della mancanza di indipendenza della banca centrale da Erdogan, momento in cui la lira ha battuto il record di 4 e 5 lire contro il dollaro. All’epoca era incomprensibile immaginare che la valuta sarebbe scesa a 15 per dollaro.

E la velocità della caduta è quasi esponenziale; La caduta da 3 lire a 4 del dollaro è durata due anni a partire dal 2016, mentre la moneta è scesa a 10 a 15 nei confronti del dollaro nelle sei settimane a partire da novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *