La principessa saudita è stata rilasciata, ma gli altri reali sono ancora rinchiusi

BEIRUT, Libano – La principessa saudita, che quasi tre anni fa aveva criticato il governo del suo Paese per aver pubblicamente messo in discussione le politiche del governo, è stata rilasciata, ha affermato domenica il consulente legale della sua famiglia.

La principessa, Basma Bint South, è tornata a casa con sua figlia Suhoud al-Sharif giovedì, dove è stata imprigionata con lui, ha detto il consulente legale Henry Estramant.

Ma non è chiaro se le donne potranno andare all’estero, poiché la principessa Basma non ha strutture mediche per le malattie cardiache in Arabia Saudita, che è una questione urgente, ha affermato Mr. ha detto Estramante.

La principessa Basma è stata imprigionata o posta agli arresti domiciliari da uno dei numerosi importanti attivisti sauditi, dissidenti e membri della famiglia reale. Promosso il principe ereditario Mohammed bin Salman, il cui padre re Salman stabilì per primo la sua presa sul regno. È salito al trono nel 2015.

Il principe Mohammed è uno dei governanti più divisi nella storia dell’Arabia Saudita. Ha ricevuto elogi sia a livello nazionale che all’estero per i suoi sforzi per allentare le restrizioni sociali Distinguere l’economia dal petrolio. Ma fermare la sua ascesa è uno Disastroso intervento militare in Yemen E compreso il disprezzo per i diritti umani Il giornalista saudita Jamal Kashoghi è stato ucciso Nel 2018 da agenti sauditi all’interno dell’ambasciata saudita a Istanbul.

La detenzione di individui come la principessa Basma ha provocato queste critiche.

Tra gli arrestati Donne che si battevano per il diritto di guidare, Che è stato concesso nel 2018, e i membri della famiglia reale, spesso indicati dal principe Mohammed nelle sue iniziali MBS, potrebbero aver considerato degli ostacoli nel suo cammino verso il trono.

READ  Rimossa la statua della "Ballard of Shame" nella famosa piazza Tiananmen di Hong Kong

Alcuni detenuti sono stati rilasciati, ma molti continuano a non potersi recare all’estero perché il governo teme che possano discutere dei loro casi con giornalisti stranieri o rappresentanti di altri governi.

Molte persone importanti, compresi due figli L’ex re AbdullahSecondo i loro alleati, restano in custodia e continuano a venire alla luce informazioni sui maltrattamenti di alcuni prigionieri.

Molto importante Mohammed bin Naib, ex ministro dell’Interno Il principe Mohammed è stato estromesso come principe ereditario Per rivendicare il titolo per se stesso nel 2017.

Dopo averlo rimosso, Mohammed bin Nayef è stato posto agli arresti domiciliari Fino a marzo 2020 è stato arrestato e detenuto.

All’inizio della sua detenzione, Mohammed bin Nayef è stato imprigionato in isolamento, senza dormire, con le caviglie appoggiate a testa in giù, ei due uomini, che hanno brevemente descritto le sue condizioni, hanno parlato in modo anonimo per la loro sensibilità al problema. .

Lo scorso autunno è stato trasferito in una villa all’interno del complesso che circonda il palazzo del re Al-Yamamah nella capitale, Riyadh, dove la gente lo ha denunciato.

La gente ha detto che Mohammed bin Nayef è stato tenuto da solo senza televisione o altri dispositivi elettronici e ha ricevuto solo poche visite dalla sua famiglia. Sembra che abbia subito danni prolungati alle caviglie poiché è stato curato in detenzione e non poteva camminare senza bastone.

Il governo non ha registrato alcuna accusa formale contro di lui né ha spiegato il motivo per cui è stato arrestato. La maggior parte degli esperti sauditi crede che ciò sia dovuto al fatto che temono che il principe Mohammed possa essere un ostacolo al tentativo del principe Mohammed di diventare il prossimo monarca saudita.

READ  Annunci dal vivo del governo: notizie Omigron, vaccini e altro

Una portavoce dell’ambasciata saudita a Washington non ha risposto alle richieste di commento sulla principessa Basma o su Mohammed bin Nayef.

La principessa Basma, 58 anni, che è stata rilasciata la scorsa settimana con sua figlia, la signora al-Sharif, non ha mai ricoperto cariche governative né alcun potere. La principessa Basma, la figlia più giovane del secondo re dell’Arabia Saudita, ha trascorso gran parte del suo tempo a Londra ed è stata molto popolare nei media occasionali per aver commentato l’Arabia Saudita, cosa rara per la famiglia reale, in particolare le donne.

Ha criticato il sistema legale dello Stato basato sulla sharia e ha invitato il Paese ad adottare una costituzione che tuteli i diritti dei cittadini, cosa che non ha subito conseguenze.

Ma ancora La BBC parla arabo Nel 2018, la principessa Basma è stata accusata di aver rifiutato di accettare coloro che non la sostenevano, senza menzionare il nome del principe Mohammed. I suoi piani di trasformazione conosciuti come Vision 2030.

“Ha una visione, Vision 2030, e in quella visione vedo che c’è una direzione per isolare tutti coloro che non sono d’accordo con quella visione”, ha detto.

Nel marzo 2019, la polizia ha arrestato la principessa Basma e la trentenne Al-Sharif. Dalla loro casa a Jeddah, in Arabia Saudita.

Le due donne sono state accusate di “reati penali” non specificati e incarcerate ad Al Heer, vicino a Riyadh, ma non sono state formalmente accusate di nessuno dei crimini. ha detto Estramante.

Funzionari sauditi non hanno commentato pubblicamente il caso della principessa Basma, ma nel 2020 l’ambasciata saudita a Ginevra ha dichiarato alle Nazioni Unite di essere stata “accusata di reati legati al tentativo di viaggiare fuori dal paese illegalmente”. Ha detto che la principessa Basma non ha partecipato al processo.

READ  La lira torna alla grande dopo che Erdogan ha svelato le misure anti-dollaro

Non è chiaro il motivo per cui le donne sono state rilasciate, ma ha elogiato la mossa.

“Siamo lieti che la Corte di Stato e l’MBS abbiano deciso di rilasciarli entrambi”, ha affermato. “Questo è un buon segno che il Paese sta continuando il processo di miglioramento dello stato di diritto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *