Aggiornamenti in tempo reale: crisi Ucraina-Russia

Dopo mesi di potenziamento militare e capacità di manovra, martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto i movimenti della Russia Ucraina come “l’inizio di un’invasione russa”.

Ecco cosa devi sapere:

Cosa ha fatto la Russia? Lunedì il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato truppe a Donetsk e Luhansk – due regioni filo-Mosca dell’Ucraina orientale controllate dai separatisti – in quella che il Cremlino ha definito una missione di “mantenimento della pace”. La mossa è arrivata poche ore dopo la firma dei decreti che riconoscono l’indipendenza delle regioni.

Diversi funzionari statunitensi e occidentali hanno avvertito che ciò potrebbe servire come salva di apertura di un’operazione militare più ampia contro l’Ucraina. Più di 150.000 soldati russi ora circondare l’Ucraina su tre lati, secondo le stime dei funzionari dell’intelligence statunitense e ucraina.

Come sta rispondendo l’Ucraina? Martedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che sta ancora perseguendo la diplomazia come via d’uscita dalla crisi. I riservisti sarebbero stati chiamati per l’addestramento militare, ha detto, ma non ci sarebbe stata una mobilitazione generale delle forze armate.

“Desideriamo pace e calma, ma se siamo tranquilli oggi, domani scompariremo”, ha detto Zelensky.

Come ha reagito il mondo? Le azioni della Russia sono state fortemente condannate da molte nazioni, con i leader occidentali che martedì hanno imposto nuove sanzioni e tagliato un importante gasdotto con la Russia.

Biden ha annunciato che gli Stati Uniti sanzioneranno le istituzioni finanziarie e gli oligarchi russi. L’Unione Europea ha anche sanzionato 351 legislatori russi che hanno votato per riconoscere le regioni separatiste e il Regno Unito ha annunciato sanzioni contro cinque banche russe e tre oligarchi russi.

READ  Gli Steelers assumono l'ex Dolphins HC Brian Flores come assistente difensivo senior / coach dei linebacker

Sempre martedì, la Germania ha dichiarato di aver interrotto la certificazione di 11 miliardi di dollari Gasdotto di 750 miglia che collega direttamente la Russia alla Germania. Il Nord Stream 2 Il progetto è stato completato a settembre ma non ha ancora ricevuto il via libera definitivo dalle autorità di regolamentazione tedesche. Senza di essa, il gas naturale non può fluire attraverso il gasdotto del Mar Baltico dalla Russia alla Germania.

Mercoledì, Giappone e Australia si sono uniti all’elenco dei paesi per imporre sanzioni a Russia, Donetsk e Luhansk.

Per saperne di più:

Cosa vuole Putin in Ucraina?  Il conflitto spiegato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.