Dirigenti Ubisoft: “I giocatori hanno sempre ragione” e in qualche modo “frangono” gli NFT

Questa immagine del cervello della galassia sta ancora elaborando l'apparente di Ubisoft "pezzo dopo pezzo" enigma spiegazione dei suoi piani NFT.
Ingrandire / Questa immagine del cervello della galassia sta ancora elaborando l’apparente spiegazione del puzzle “pezzo per pezzo” di Ubisoft dei suoi piani NFT.

Aurich Lawson | Getty Images

Nelle settimane da quando Ubisoft ha lanciato i token non fungibili in uno dei suoi videogiochi, i critici, in particolare quelli qui ad Ars Technica, hanno risposto con domande sul loro scopo. Mentre Ars sta ancora aspettando una risposta formale alle nostre domande di dicembre, è probabile che il risultato più vicino che otterremo viene da un’intervista di giovedì con i dirigenti di Ubisoft che includeva un’affermazione audace secondo cui la “resistenza” dei giocatori agli NFT è “basata sull’incomprensione”. (Speriamo che Ubisoft non lo stia dicendo a chiunque abbia letto La lunga guida di Ars agli NFT.)

Nell’intervista, condotta dal sito tecnologico australiano Finderdue dirigenti di Ubisoft (Didier Genevois, capo del team blockchain di Ubi, e Nicolas Pouard, responsabile dei sistemi NFT “Quartz” e “Digits” di Ubi) non riescono a chiarire in che modo l’implementazione NFT di un gioco online differisca in base al gameplay dalla gestione dei diritti digitali esistente (DRM), in particolare quelle integrate in vetrine come Steam e Ubisoft Connect.

Quando è stato premuto direttamente sui vantaggi che un giocatore potrebbe aspettarsi dall’interessarsi con Ubisoft Digits, Pouard ha prima affermato che “i giocatori non capiscono ciò che un mercato secondario digitale può offrire loro”. Alla fine, Pouard ha risposto con un potenziale vantaggio: “l’opportunità di rivendere i propri articoli una volta che hanno finito con loro o hanno finito di giocare”.

Il giornalista di Finder ha quindi chiesto se gli acquisti di licenze di giochi Ubisoft potrebbero un giorno essere trattati come NFT in modo che i consumatori possano vendere e scambiare liberamente i giochi che hanno acquistato invece di averli bloccati nei loro account Ubisoft Connect. Pouard ha insinuato che una cosa del genere Potevo succedere un giorno. “Questo fa parte del caso d’uso che possiamo esplorare, ma oggi non è al centro dell’attenzione”, ha affermato.

READ  40 La migliore pennino per tablet del 2022 - Non acquistare una pennino per tablet finché non leggi QUESTO!

Un dominio di contrasti selvaggi

Pouard ha anche indicato che l’obiettivo principale delle vendite NFT è collegarle ad altri mercati. Ha risposto a una domanda sul fatto che gli schemi “play-to-earn” potessero apparire nei giochi Ubisoft, con l’acquisizione NFT come endpoint, dicendo: “L’aggiunta di una ricompensa di valore nel mondo reale potrebbe essere la prossima aggiunta oltre a tutto il valore un gioco offre già”. (Pouard non ha in alcun modo spiegato come sarebbero stati distribuiti tali NFT o ricompense, né in quale tipo di acqua calda normativa il suo team potrebbe atterrare per promuovere un tale schema.)

In una citazione da capogiro, Pouard ha quasi urlato l’intenzione di Ubisoft di fare soldi da un metaverso connesso di qualche tipo:

L’interesse al decentramento per un’azienda centralizzata come Ubisoft è quello di aprire le porte dei nostri giochi e di ingrandirli attraverso la condivisione [a stake] con i nostri giocatori Per costruire nuove esperienze che siano in cima a ciò che è in ogni gioco fino ad oggi. È un nuovo modo di vedere cosa potrebbe essere un gioco. Non voglio entrare nei numeri, ma possedere una percentuale di un enorme ecosistema potrebbe essere ancora più interessante del semplice possesso di un gioco oggi. Mi dispiace, perché so che è difficile da capire in questo momento, poiché questo tipo di idea non esiste ancora [in gaming]. Ma vediamo che l’ecosistema di un gioco può essere molto, molto più grande di quello che è un gioco oggi in termini di creazione di valore per tutti.

L’intervista è un dominio di contrasti selvaggi. Da un lato, Pouard ha affermato che i clienti Ubisoft avrebbero superato qualsiasi tentativo di nascondere la natura basata su NFT del suo sistema Digits. “Dobbiamo essere trasparenti su ciò che stiamo facendo”, ha affermato.

READ  I Jaguars assumono l'allenatore vincitore del Super Bowl Doug Pederson

Tuttavia, alla domanda sulla reazione negativa dei clienti a Ubisoft Digits, Pouard si è orientato verso la condiscendenza e l’offuscamento. Dopo aver affermato che gli NFT “non sono un concetto facile da comprendere”, ha affermato audacemente che “pezzo per pezzo, il puzzle sarà rivelato e compreso dai nostri giocatori”.

Peggio ancora, nel descrivere il potenziale di rivendita degli oggetti di Ubisoft Digits, Pouard è diventato piuttosto schietto. “Quindi, è davvero per [paying Ubisoft customers]. È davvero vantaggioso. Ma per ora non lo capiscono”, ha detto.

Alcune domande dopo, Pouard è tornato a elogiare i giocatori, dicendo a Finder: “I giocatori hanno sempre ragione. Perché sono i nostri giocatori e noi li amiamo. E quindi hanno sempre ragione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.