‘Don’t Say Gay’: la Disney si scontra con DeSantis per il disegno di legge della Florida | Florida

La Walt Disney Company sospende le donazioni politiche in Florida dopo che il suo amministratore delegato ha subito un enorme contraccolpo per non aver utilizzato la vasta influenza dell’azienda nello stato per cercare di annullare un disegno di legge repubblicano che impedirebbe agli insegnanti di istruire i primi anni su questioni LGBTQ+.

Il disegno di legge ha scatenato un battibecco tra il colosso del turismo e il governatore repubblicano, Ron De Santische ha accusato la compagnia di essere amica della Cina comunista.

Venerdì l’amministratore delegato della Disney, Bob Chapek, ha pubblicato una dichiarazione online e ha inviato un’e-mail ai dipendenti affermando che la società ha sbagliato a rimanere in silenzio prima che la legislatura statale dominata dai repubblicani approvasse ciò che gli oppositori hanno soprannominato “Non dire gay“Conto.

I repubblicani hanno sostenuto che i genitori, non gli insegnanti, dovrebbero parlare ai loro figli delle questioni di genere durante i loro primi anni. Il disegno di legge vieta le istruzioni su “orientamento sessuale o identità di genere” dalla scuola materna fino alla terza elementare.

DeSantis, che ha indicato il sostegno alla misura, sta affrontando richieste di veto ma sta respingendo.

Chapek ha affermato che il disegno di legge era una sfida ai diritti umani e si è scusato per non aver agito prima.

DeSantis ha inviato un’e-mail di raccolta fondi in cui diceva: “La Disney è troppo in sintonia con il Partito Comunista Cinese e ha perso qualsiasi autorità morale per dirti cosa fare”.

L’azione del governatore ha sbalordito repubblicani e democratici. Il parco a tema Disney World è un motore economico multimiliardario per lo stato e la Disney ha contribuito ingenti somme Florida partiti e politici e esercita un’influenza incredibile sul governo dello stato.

“La strana ipocrisia della politica della Florida in questo momento è che DeSantis è stata felice di prendere i soldi della Disney ma di approvare un disegno di legge che è un anatema per i valori dei loro clienti e della loro istituzione”, ha affermato Rick Wilson del Lincoln Project, un ex agente repubblicano .

Un legislatore repubblicano, che non voleva essere nominato perché non voleva parlare pubblicamente contro il governatore, ha affermato che la Disney era il numero tre dei principali contributori ai candidati repubblicani. La società ha donato milioni a repubblicani e democratici.

La società, che ha aperto un parco a tema in Cina nel 2016 e ha ottenuto l’accesso al mercato cinematografico di quel paese, è stata accusato di modificare i contenuti per compiacere i leader cinesi.

I critici di DeSantis sostengono che sta andando contro la società a causa dell’ambizione di vincere le primarie repubblicane per essere il candidato presidenziale del 2024.

“È davvero piuttosto scioccante”, ha detto l’ex governatore repubblicano Charlie Crist, ora un deputato democratico che cerca di sfidare DeSantis.

Crist ha detto che DeSantis ha combattuto con industrie importanti per la Florida, come una battaglia legale con le compagnie di crociera che volevano che i passeggeri dimostrassero di essere vaccinati per il coronavirus.

“Ora è Disney. Chi è il prossimo nella lista dei risultati di questo governatore? ” disse Crist.

Anche il deputato democratico statunitense Darren Soto ha messo in dubbio l’attacco del governatore.

“Questo è un altro sciopero nell’agenda dell’odio che il governatore DeSantis sta spingendo in questo momento”, ha affermato Soto, aggiungendo che il bilancio dello stato dipende enormemente dall’imposta sulle vendite che Disney e altri parchi a tema generano per lo stato.

“Ora lo sta mettendo a rischio perché vuole attaccare le famiglie LGBTQ +, famiglie che costituiscono una parte fondamentale dell’atmosfera Disney”, ha detto Soto.

READ  40 La migliore dondoli per bambini del 2022 - Non acquistare una dondoli per bambini finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.