Gli Stati Uniti prendono di mira gli oligarchi russi con nuove sanzioni

WASHINGTON, 3 marzo (Reuters) – Giovedì gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro gli oligarchi russi in quanto hanno preso di mira i super ricchi russi e altri vicini al presidente Vladimir Putin, aumentando ulteriormente la pressione finanziaria sull’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni di blocco totale a otto oligarchi e funzionari, incluso il magnate russo Alisher Usmanov, prendendo di mira coloro che hanno accumulato fortune e influenza politica attraverso i loro legami con Putin.

“Vogliamo che lui (Putin) senta la stretta, vogliamo che le persone intorno a lui sentano la stretta”, ha detto giovedì ai giornalisti la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La mossa è l’ultima di una serie di sanzioni annunciate finora da Washington, anche contro Putin e la banca centrale, dopo che le forze russe hanno invaso l’Ucraina nel più grande assalto a uno stato europeo dalla seconda guerra mondiale. Mosca definisce l’assalto una “operazione speciale”.

Washington giovedì ha imposto sanzioni a Usmanov, fondatore della compagnia mineraria russa Metalloinvest, che la Casa Bianca ha descritto come “uno degli individui più ricchi della Russia e uno stretto alleato di Putin”.

La mossa blocca l’uso della sua proprietà negli Stati Uniti e da parte di persone statunitensi, incluso il suo yacht di lusso che la Casa Bianca ha detto essere stato sequestrato dalla Germania e il suo jet privato.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha fatto il raro passo di includere in quelli che normalmente sono comunicati stampa testuali un paio di foto del superyacht e del jet privato di Usmanov.

READ  40 La migliore cuscini per gravidanza del 2022 - Non acquistare una cuscini per gravidanza finché non leggi QUESTO!

Anche il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, che la Casa Bianca ha accusato di essere “uno dei principali fornitori della propaganda di Putin”, è stato preso di mira nella mossa.

Nikolay Tokarev, amministratore delegato del gigante energetico Transneft, è stato designato insieme a sua moglie, sua figlia e le sue due società immobiliari di lusso.

Anche i miliardari Boris e Arkady Rotenberg e diversi membri della famiglia sono stati colpiti da sanzioni, così come Igor Shuvalov, un politico russo ed ex vice primo ministro di Putin a capo della State Development Corporation.

Yevgeniy Prigozhin, precedentemente preso di mira per presunti tentativi di interferire nelle elezioni americane, è stato designato di nuovo. Il Tesoro lo ha descritto come il finanziere russo dell’Internet Research Agency (IRA) e ha affermato che “il suo apparato di influenza sostiene le operazioni di influenza progettate dal governo russo all’interno dell’Ucraina”.

“Il Tesoro si impegna a tenere le élite russe a rendere conto del loro sostegno alla guerra scelta dal presidente Putin”, ha affermato in una nota il segretario al Tesoro Janet Yellen.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha espresso le sue osservazioni alla Yellowjacket Union durante la sua visita all’Università del Wisconsin-Superior, a Superior, Wisconsin, il 2 marzo 2022. REUTERS / Evelyn Hockstein

MIRARE LA DISINFORMAZIONE

Oltre alle sanzioni contro le élite russe, il Tesoro ha designato 26 individui con sede in Russia e Ucraina e sette entità russe, alcune legate ai servizi di intelligence russi, accusate di diffondere disinformazione volta a destabilizzare il governo ucraino.

Gli Stati Uniti imporranno anche restrizioni sui visti a 19 oligarchi russi, ai loro familiari e associati, ha affermato la Casa Bianca in una nota.

L’azione di giovedì aiuta ad allineare gli Stati Uniti alle misure adottate dall’Unione europea all’inizio di questa settimana.

Lunedì l’UE ha imposto sanzioni a 26 personaggi di spicco per l’invasione russa dell’Ucraina, inclusi oligarchi e uomini d’affari attivi nei settori petrolifero, bancario e finanziario. Le misure dell’UE includevano Peskov e Usmanov. Per saperne di più

READ  Stephen Curry dei Golden State Warriors supera Ray Allen come il re da 3 punti di tutti i tempi dell'NBA

Giovedì la Gran Bretagna ha anche imposto sanzioni a Usmanov e Shuvalov. Per saperne di più

Le misure di giovedì arrivano dopo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha lanciato mercoledì una task force nota come “KleptoCapture” volta a mettere a dura prova le finanze degli oligarchi russi. Per saperne di più

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno annunciato la scorsa settimana che avrebbero lanciato una task force per identificare e congelare i beni delle società e degli oligarchi russi sanzionati.

Washington ha ripetutamente avvertito di essere pronta ad adottare ulteriori misure per costringere Mosca a rispondere della sua invasione dell’Ucraina.

Nel suo discorso sullo stato dell’Unione martedì sera, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti lavoreranno per sequestrare yacht, appartamenti di lusso e jet privati ​​di ricchi russi legati a Putin.

“Stiamo venendo per i tuoi guadagni illeciti”, ha detto Biden.

Giovedì i pubblici ministeri statunitensi a Manhattan hanno accusato un produttore televisivo di Konstantin Malofeyev, descritto come un oligarca russo, di aver violato le sanzioni legate alla Crimea.

Il produttore, il cittadino statunitense John Hanick, è stato arrestato a febbraio a Londra e gli Stati Uniti ne chiedono l’estradizione. I pubblici ministeri hanno affermato che Hanick è stato accusato di aver violato le sanzioni statunitensi derivanti dall’invasione russa della penisola di Crimea nel 2014. Per saperne di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Steve Holland, Daphne Psaledakis e Matt Spetalnick; Montaggio di Chizu Nomiyama e Nick Zieminski

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.