Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale – The New York Times

Un incendio è scoppiato all’inizio di venerdì in un complesso nell’Ucraina meridionale che ospita la più grande centrale nucleare d’Europa dopo che le truppe russe hanno sparato sull’area, ha affermato il governo ucraino.

Le riprese delle telecamere di sicurezza verificate dal New York Times hanno mostrato un edificio in fiamme all’interno del complesso nucleare di Zaporizhzhia vicino a una linea di veicoli militari. I video sembravano mostrare le persone nei veicoli che sparavano contro gli edifici della centrale elettrica. Il servizio di emergenza statale ucraino ha poi affermato che l’incendio si è spento dopo le 6 del mattino

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha accusato l’esercito russo di aver attaccato deliberatamente il complesso e ha affermato che un’esplosione sarebbe stata “la fine per tutti, la fine dell’Europa”.

“Solo un’azione immediata da parte dell’Europa potrebbe fermare l’esercito russo”, ha aggiunto.

L’incendio non ha colpito le apparecchiature essenziali dell’impianto, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica detto su Twitter, citando la sua comunicazione con il governo ucraino. Diceva che il personale dell’impianto stava “intraprendendo azioni di mitigazione”.

L’incendio è scoppiato dopo un attacco russo contro un edificio di addestramento fuori dal perimetro dell’impianto, secondo una dichiarazione del servizio di emergenza statale. Reuters ha affermato che solo uno dei sei reattori del complesso era in linea.

Un portavoce della centrale nucleare, Andriy Tuz, è stato citato dall’Associated Press per aver detto alla televisione ucraina che i proiettili avevano dato fuoco a uno dei sei reattori dell’impianto che era in fase di ristrutturazione e non funzionante. Diceva che il reattore aveva del combustibile nucleare all’interno.

READ  40 La migliore aspirapolvere 2500 w del 2022 - Non acquistare una aspirapolvere 2500 w finché non leggi QUESTO!

Il presidente Biden ha parlato con il sig. Zelensky sull’incendio e si è unito a lui esortando la Russia a “cessare le sue attività militari nell’area e consentire ai vigili del fuoco e ai soccorritori di emergenza di accedere al sito”, ha affermato la Casa Bianca. Rapporti locali in seguito hanno affermato che le squadre di emergenza avevano ottenuto l’accesso.

Sig. La segretaria energetica di Biden, Jennifer M. Granholm, detto su Twitter che gli Stati Uniti non avevano rilevato letture di radiazioni elevate nell’area, facendo eco a una precedente valutazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica. “I reattori dell’impianto sono protetti da robuste strutture di contenimento e i reattori vengono chiusi in sicurezza”, ha affermato.

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, aveva avvertito che l’incendio rappresentava un rischio significativo.

“Se esplode, sarà 10 volte più grande di Chernobyl!” lui detto su Twitterriferendosi al disastro in quel sito nucleare nel 1986. “I russi devono immediatamente cessare il fuoco e consentire ai vigili del fuoco di stabilire una zona di sicurezza”, ha affermato.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato che avrebbe cercato una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’incendio nel complesso, secondo il suo ufficio.

Rafael Mariano Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, detto su Twitter di aver parlato con i funzionari ucraini della situazione nello stabilimento. Ha fatto appello per fermare i combattimenti e ha avvertito di “grave pericolo” se i reattori fossero stati colpiti.

L’American Nuclear Society ha condannato l’attacco russo al complesso del reattore.

In precedenza, il sig. Grossi aveva detto che “un gran numero di carri armati e fanteria russi” era entrato a Enerhodar, una città vicino all’impianto, e che le truppe di fanteria si stavano “muovendo direttamente” verso il sito del reattore.

READ  Biden vede la Russia muoversi in Ucraina, seminando dubbi nella risposta occidentale

Il sindaco, Dmitry Orlov, ha detto a una stazione radio locale che aspri combattimenti tra soldati russi e ucraini erano in corso durante gli accessi allo stabilimento, secondo l’account Twitter della stazione. Il sindaco ha chiesto un cessate il fuoco immediato.

Il Zaporizhzhia Il complesso nucleare, sul fiume Dnepr a circa cento miglia a nord della Crimea, è il più grande d’Europa. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomicai suoi sei reattori producono un totale di 6.000 megawatt di energia elettrica.

In confronto, l’impianto di Chernobyl nel nord dell’Ucraina ha prodotto 3.800 megawatt, circa un terzo in meno. (Un megawatt, un milione di watt, è una potenza sufficiente per accendere 10.000 lampadine da cento watt.) I quattro reattori del complesso di Chernobyl sono stati spenti dopo che uno ha subito un incendio catastrofico e una fusione nel 1986.

I nuclei dei reattori sono pieni di combustibile altamente radioattivo. Ma un ulteriore pericolo nel sito di Zaporizhzhia sono i molti acri di pozze d’acqua aperte dietro il complesso in cui le barre di combustibile esaurito sono state raffreddate per anni. Gli esperti temono che proiettili o missili erranti che colpiscono tali siti potrebbero innescare disastri radiologici.

Per giorni, rapporti sui social media hanno spiegato in dettaglio come i residenti di Enerhodar hanno allestito una gigantesca barriera di pneumatici, veicoli e barricate di metallo per cercare di bloccare un’avanzata russa nella città e nel sito del reattore. Christoph Koettl, investigatore visivo del New York Times, notato su Twitter che le barricate fossero così grandi da poter esserlo visto dallo spazio esterno dai satelliti in orbita.

READ  Banca centrale russa, SWIFT è il nuovo obiettivo della Casa Bianca, del Canada e degli alleati europei

A partire dalla scorsa domenica, a tre giorni dall’inizio dell’invasione, il regolatore nucleare ucraino ha iniziato a riferire un insolito tasso di disconnessione: sei dei 15 reattori della nazione erano offline. Martedì il struttura di Zaporizhzhia era il sito con il maggior numero di reattori offline.

John Yoon, Marco Santora e Nathan Willis reportage contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.