Guerra Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale e video

SOCHI, Russia – Migliaia di persone sono scese domenica nelle strade delle città russe per protestare contro la decisione del presidente Vladimir V. Putin di invadere l’Ucraina, rischiando pestaggi e arresti.

Le proteste di domenica sono seguite a manifestazioni contro la guerra simili in tutto il paese che si sono svolte in dozzine di città russe ogni giorno da quando le truppe russe hanno attraversato il confine ucraino la mattina presto di giovedì. I manifestanti si sono presentati anche nelle città di tutto il mondo.

Molti manifestanti russi si sono detti sbalorditi dal sig. La decisione di Putin di inviare truppe e armi pesanti in quella che molti in Russia considerano una “nazione fraterna”. Milioni di russi hanno parenti o amici nelle città ucraine. Molti sono cresciuti in Ucraina e ne conservano i ricordi d’infanzia.

Durante le proteste, molte persone hanno affermato di essere venute per esprimere solidarietà al popolo ucraino ed erano fiduciose che il sig. La decisione di Putin danneggerà gravemente la Russia.

Fyodor Gurov, ad esempio, ha detto di non aver mai preso parte a proteste prima, ma è rimasto scioccato giovedì quando ha letto la notizia che la Russia ha attaccato l’Ucraina, un paese dove vivono i suoi parenti.

“Ho iniziato a vergognarmi di vivere in Russia”, ha detto il sig. Gurov, 22 anni, ha detto, parlando al telefono da un furgone della polizia, dove era detenuto.

Domenica il sig. Gurov ha detto di essere venuto a stare di fronte all’edificio degli Affari esteri russi nel centro di Mosca con un poster che diceva “No alla guerra!” Poco dopo il suo arrivo, la polizia lo ha arrestato, minacciando di rompergli la mano. Un assistente di volo, il sig. Gurov teme anche di perdere il lavoro dopo che i paesi europei hanno bloccato lo spazio aereo ai voli russi.

READ  Olimpiadi in diretta: notizie e aggiornamenti sul pattinaggio da Pechino

A Mosca, folle di persone si sono mosse per il centro della città, gridando “No alla guerra!” Per rendere più difficile la loro detenzione da parte della polizia, hanno cercato di non concentrarsi in un unico luogo. Tuttavia, la polizia ha arrestato più di 1.100 persone nella sola capitale russa e più di 1.100 in altre città russe secondo OVD Info, un gruppo per i diritti umani che segue gli arresti durante le manifestazioni in Russia.

Oltre ad arrestare persone durante le manifestazioni, le autorità russe hanno anche affermato che aumenterebbero la pressione in altri ambiti. I dipendenti del governo che hanno firmato lettere e petizioni contro la guerra, ad esempio, sono stati minacciati di licenziamento.

L’ufficio del procuratore generale russo ha avvertito domenica i russi che la fornitura di “assistenza a un’organizzazione straniera o ai suoi rappresentanti in attività dirette contro la sicurezza della Russia” vagamente definita può essere qualificata come alto tradimento, punibile fino a 20 anni dietro le sbarre. Venerdì scorso, l’organismo di controllo delle comunicazioni russo ha annunciato che limiterà parzialmente l’accesso a Facebook come ritorsione per aver limitato alcuni account dei media pro-Cremlino.

Domenica, molti russi sono anche venuti su un ponte di fronte al Cremlino per deporre fiori nel punto in cui Boris Nemtsov, un importante politico russo dell’opposizione, è stato brutalmente fucilato a morte sette anni fa. Durante tutta la sua carriera politica, il sig. Nemtsov ha parlato contro qualsiasi forma di aggressione russa contro l’Ucraina.

Alcune persone, che giovedì hanno preso parte alla prima ondata di proteste, non sono potute uscire di nuovo per evitare di commettere due volte lo stesso reato. Aleksei Kudasov, ad esempio, è stato arrestato giovedì e successivamente rilasciato, quindi ha deciso di non correre il rischio, ma si è detto pronto “a fare di tutto per fermare questo incubo”.

READ  La Casa Bianca affronta una crescente impazienza a Capitol Hill mentre gli appelli per aiutare l'Ucraina si fanno più forti prima del discorso di Zelensky

Sig. La decisione di Putin non porterà “nient’altro che dolore a entrambe le parti del conflitto”, ha affermato, aggiungendo che donerà alle organizzazioni per i diritti umani e aiuterà a diffondere informazioni veritiere sul conflitto.

“Le persone non dovrebbero passare le notti in metropolitana perché il presidente di un altro paese muova soldatini di latta su una mappa”, ha affermato il sig. Kudasov, 31 anni, è un copywriter. “Molti di noi hanno parenti e amici in Ucraina: attaccare un simile vicino è una decisione assolutamente selvaggia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.