I prezzi del petrolio aumentano con l’aggravarsi della crisi in Ucraina.

I prezzi del petrolio sono aumentati lunedì, poiché l’ordine sferragliante del presidente Vladimir V. Putin di mettere in allerta le forze nucleari del suo paese ha oscurato le speranze per i negoziati tra Russia e Ucraina.

Il annuncio del presidente Volodymyr Zelensky che una delegazione ucraina si sarebbe incontrata con una delegazione russa vicino al confine tra Ucraina e Bielorussia per colloqui “senza precondizioni” è stato visto con scetticismo dai commercianti di petrolio, dalla maggior parte degli analisti politici e dai funzionari occidentali.

I commercianti non hanno fatto aumentare i prezzi negli ultimi giorni perché le sanzioni occidentali contro la Russia finora non hanno impedito l’esportazione di petrolio e gas naturale verso l’Europa occidentale. Ma il benchmark del petrolio Brent è salito di oltre il 3 percento lunedì al di sopra di $ 101 al barile mentre il benchmark americano West Texas Intermediate è salito a circa $ 95 al barile.

I prezzi della benzina americana sono aumentati di circa un centesimo al gallone ogni giorno nell’ultima settimana, secondo i sondaggi del club automobilistico AAA. In $ 3,61 al gallone per la benzina normale, la media nazionale è quasi un dollaro in più rispetto a un anno fa.

I rischi di aumento dei prezzi dell’energia rimangono elevati mentre i russi continuano a invadere l’Ucraina. All’inizio, l’offensiva russa si è impantanata di fronte alla forte resistenza delle forze armate ucraine e dei cittadini ucraini.

Bombardamenti e razzi potrebbero danneggiare gli oleodotti vitali che attraversano l’Ucraina, sebbene ciò non sia ancora accaduto. Alcuni leader repubblicani e membri del Congresso di entrambi i partiti stanno facendo pressioni per sanzioni più severe sulle transazioni energetiche. Le compagnie petrolifere occidentali potrebbero decidere che fare affari con la Russia non vale i rischi, soprattutto se la tecnologia e i servizi petroliferi occidentali sono colpiti da sanzioni o perché le sanzioni finanziarie ostacoleranno i pagamenti russi.

READ  40 La migliore affettatrici del 2022 - Non acquistare una affettatrici finché non leggi QUESTO!

“Forse la più grande incertezza sarà la risposta russa”, secondo un rapporto pubblicato domenica da RBC Capital Markets. “Le sanzioni della banca centrale ridurranno drasticamente l’accesso della Russia alla sua riserva di valuta estera e ai proventi delle vendite di petrolio in conti esteri”.

La dura posizione economica dell’Occidente contro la Russia sta già avendo effetto. BP ha detto domenica che lo avrebbe fatto “Exit” è la sua partecipazione di quasi il 20% in Rosneft, il colosso russo, e che avrebbe rimosso i suoi due rappresentanti dal consiglio di Rosneft. È stato un ritiro culminante dall’azienda con sede in Gran Bretagna dopo tre decenni di affari in Russia.

Gli operatori del gasdotto ucraino hanno affermato domenica che la trasmissione di gas naturale che attraversa il paese e gran parte del resto d’Europa è normale.

Un altro jolly sarà la posizione della Russia all’incontro di mercoledì dell’OPEC Plus, in cui è partner dell’Arabia Saudita e di altri importanti produttori. Il gruppo si riunisce per discutere di quanto aumentare i livelli di produzione per alleviare gli aumenti dei prezzi globali. Finora Washington ha avuto scarso successo nel fare pressioni sul gruppo per aumentare la produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.