Il presidente dell’Ucraina giura di rimanere fermo mentre gli invasori russi si avvicinano

  • Zelenskiy afferma di essere il “bersaglio numero uno” della Russia
  • Le forze russe sequestrano lo stabilimento di Chernobyl, avanzano su Kiev
  • USA e UE annunciano una nuova ondata di sanzioni
  • Il prezzo del petrolio sale fino a $ 2 al barile

KIEV, 25 feb. (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha giurato venerdì rimanere a Kiev mentre le sue truppe combattevano gli invasori russi che avanzavano verso la capitale nel più grande attacco a uno stato europeo dalla seconda guerra mondiale.

La Russia ha lanciato la sua invasione via terra, aria e mare il giovedì successivo all’a dichiarazione di guerra del presidente Vladimir Putin. Si stima che circa 100.000 persone siano fuggite mentre esplosioni e spari hanno scosso le principali città. Decine sono stati segnalati uccisi.

Funzionari statunitensi e ucraini affermano che la Russia mira a catturare Kiev e rovesciare il governo, che Putin considera un burattino degli Stati Uniti. truppe russe sequestrato l’ex centrale nucleare di Chernobyl a nord di Kiev mentre avanzavano lungo la rotta più breve per Kiev dalla Bielorussia a nord.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“(Il) nemico mi ha contrassegnato come l’obiettivo numero uno”, ha avvertito Zelenskiy in un videomessaggio poiché sono stati segnalati pesanti combattimenti su più fronti. “La mia famiglia è l’obiettivo numero due. Vogliono distruggere politicamente l’Ucraina distruggendo il capo dello stato”.

“Rimarrò nella capitale. Anche la mia famiglia è in Ucraina”.

Putin afferma che la Russia sta effettuando “un’operazione militare speciale” per impedire al governo ucraino di commettere un genocidio contro il suo stesso popolo, un’accusa che l’Occidente definisce infondata. Dice anche che l’Ucraina è uno stato illegittimo le cui terre appartengono storicamente alla Russia.

READ  I medici dell'UNMC sollecitano la vaccinazione mentre gli esperti imparano di più su Omigran

Alla domanda se fosse preoccupato per la sicurezza di Zelenskiy, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto alla CBS: “Per quanto ne so, il presidente Zelenskiy rimane in Ucraina al suo posto, e ovviamente siamo preoccupati per la sicurezza di tutti i nostri amici in Ucraina – funzionari governativi e altri”.

SANZIONI COSTRUITE

Nazione democratica di 44 milioni di persone, l’Ucraina ha votato per l’indipendenza alla caduta dell’Unione Sovietica e ha recentemente intensificato gli sforzi per unirsi all’alleanza militare della NATO e all’Unione Europea, aspirazioni che fanno infuriare Mosca.

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Giappone, il Canada, l’Australia e l’UE hanno svelato altre sanzioni contro Mosca oltre alle sanzioni all’inizio di questa settimana, inclusa una mossa della Germania per fermare un gasdotto da 11 miliardi di dollari dalla Russia.

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha descritto le misure del blocco come “il pacchetto di sanzioni più severo che abbiamo mai implementato”.

La Cina è stata messa sotto pressione per il suo rifiuto di definire l’assalto della Russia un’invasione.

Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, parlando ai giornalisti alla Casa Bianca, ha dichiarato: “Qualsiasi nazione che accoglie la nuda aggressione della Russia contro l’Ucraina sarà macchiata per associazione”. Ha rifiutato di commentare direttamente la posizione della Cina.

La Russia è uno dei maggiori produttori di energia al mondo e sia essa che l’Ucraina sono tra i principali esportatori di grano. La guerra e le sanzioni sconvolgeranno le economie di tutto il mondo.

READ  La nave da crociera entra nella zona di pericolo missilistico, costringendo SpaceX a strofinare di nuovo

Venerdì i prezzi del petrolio sono saliti fino a $ 2 al barile mentre i mercati si preparano all’impatto delle sanzioni commerciali sul principale esportatore di greggio, la Russia.

I futures sul grano negli Stati Uniti hanno raggiunto il loro massimo in quasi 14 anni, il mais si è avvicinato al picco di otto mesi e la soia è rimbalzata sui timori di interruzioni dell’approvvigionamento di grano dalla regione chiave del Mar Nero.

Anche le compagnie aeree hanno dovuto affrontare interruzioni, con Japan Airlines (9201.T) cancellando il suo volo del giovedì sera per Mosca e la Gran Bretagna chiudendo il suo spazio aereo ai vettori russi.

AVANZAMENTI MILITARI

Zelenskiy ha detto che 137 militari e civili sono stati uccisi nei combattimenti, con centinaia di feriti. Funzionari ucraini avevano precedentemente segnalato almeno 70 persone uccise.

Le forze ucraine hanno abbattuto un aereo su Kiev all’inizio di venerdì, che poi si è schiantato contro un edificio residenziale e gli ha dato fuoco, ha affermato Anton Herashchenko, consigliere del ministro degli interni. Non è chiaro se l’aereo fosse con equipaggio.

Un missile ha colpito un posto di frontiera ucraino nella regione sud-orientale di Zaporizhzhya, uccidendo e ferendo alcune guardie, ha detto il servizio di guardia di frontiera.

Gli Stati Uniti e altri membri della NATO hanno inviato aiuti militari in Ucraina, ma non c’è alcuna mossa per inviare truppe per paura di innescare un conflitto europeo più ampio.

Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha chiesto “più armi per continuare a combattere … la quantità di carri armati, veicoli blindati, aerei, elicotteri che la Russia ha lanciato sull’Ucraina è inimmaginabile”.

READ  La Russia cerca equipaggiamento militare e aiuti dalla Cina, affermano i funzionari statunitensi

A circa 90 km (60 miglia) a nord di Kiev, Chernobyl è stata conquistata dalle forze senza identificare i segni che hanno disarmato un’unità militare ucraina a guardia della stazione, ha affermato l’autorità di regolamentazione nucleare statale ucraina.

Diceva che non c’erano state vittime, che nulla era stato distrutto e che i livelli di radiazioni erano rimasti invariati. Ha informato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica di aver perso il controllo dell’impianto.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite voterà venerdì la bozza di risoluzione che condannerebbe l’invasione russa e richiederebbe l’immediato ritiro di Mosca.

Tuttavia, Mosca può porre il veto alla misura e non era chiaro come avrebbe votato la Cina.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Natalia Zinets a Kiev, Aleksandar Vasovic a Mariupol, David Ljunggren a Ottawa e Mark Trevelyan a Londra; Scritto da Rami Ayyub, Stephen Coates; Montaggio di Robert Birsel

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.