Joe Rogan: il CEO di Spotify condanna l’uso di insulti razzisti da parte del podcaster, ma afferma che la società non lo “metterà a tacere”

Rogan, che la scorsa settimana ha promesso di fare meglio quando si discute di questioni relative alla pandemia, si è scusato sabato mattina dopo che una compilation di video in cui usava la parola n è stata ampiamente condivisa sui social media.

Rogan ha detto che “non è razzista” e non ha usato un linguaggio simile negli ultimi anni. Ha ammesso in un video di Instagram pubblicato sul suo account di aver agito in modo inappropriato, anche se ha affermato che i video diffusi online lo hanno portato fuori contesto.

Rogan ha ammesso, tuttavia, che “ogni volta che ti trovi in ​​una situazione in cui devi dire: ‘Non sono razzista’, ti sei incasinato, e chiaramente mi sono fottuto”.

Spotify (MACCHIARE) ha stretto un accordo nel 2020 con Rogan per portare esclusivamente il suo podcast immensamente popolare sulla sua piattaforma. Il giornale di Wall Street segnalato L’accordo valeva più di 100 milioni di dollari.

Nella sua nota allo staff domenica sera, che Spotify ha fornito alla CNN Business, Ek ha affermato che avrebbe impegnato “un investimento incrementale di $ 100 milioni per la licenza, lo sviluppo e il marketing di musica (artisti e cantautori) e contenuti audio da gruppi emarginati”.

Non è chiaro, tuttavia, se tale azione reprimerà le polemiche relative a Rogan. I critici hanno chiesto misure molto più dure, con molti che chiedono alla compagnia di licenziare Rogan.

Ek ha detto domenica sera che i commenti di Rogan “non rappresentano i valori di questa azienda” e che Spotify si era impegnato in “conversazioni con Joe e il suo team su alcuni dei contenuti del suo show, inclusa la sua storia di uso di un linguaggio insensibile alla razza. .”

READ  40 La migliore luci per bici da corsa del 2022 - Non acquistare una luci per bici da corsa finché non leggi QUESTO!

“A seguito di queste discussioni e delle sue stesse riflessioni, ha scelto di rimuovere una serie di episodi da Spotify”, ha detto Ek.

Ecco chi ha lasciato Spotify a causa di Joe Rogan

Più di 100 episodi del programma di Rogan sono stati cancellati dalla libreria del podcaster, secondo JRE Missing, un sito web che tiene traccia dello spettacolo.

Ek si è scusato con lo staff per come la controversia “continua ad avere un impatto” su ciascuno di loro.

“Sono profondamente dispiaciuto che tu stia portando così tanto di questo fardello”, ha detto Ek. “Voglio anche essere trasparente nel definire l’aspettativa che per raggiungere il nostro obiettivo di diventare la piattaforma audio globale, questo tipo di controversie sarà inevitabile”.

L’amministratore delegato di Spotify ha affermato che bilanciare “l’espressione del creatore con la sicurezza dell’utente” è qualcosa a cui ha pensato e che aveva chiesto ai team di “ampliare il numero di esperti esterni” con cui si consultano su tali sforzi.

Ek e Spotify stanno provando, senza successo, da settimane a porre fine alle polemiche legate al podcast di Rogan.

Neil Young è stato il primo artista discografico per chiedere che la sua musica venga rimossa dalla piattaforma il 25 gennaio. Joni Mitchell seguito Poco dopo e altri musicisti e podcaster hanno continuato a unirsi al crescente boicottaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.