La denuncia per diffamazione di Sarah Palin contro il Times viene respinta da una giuria

Martedì una giuria ha emesso un verdetto contro Sarah Palin nella sua causa per diffamazione contro il New York Times, scoprendo che non c’erano prove sufficienti per dimostrare che il giornale l’aveva diffamata in un editoriale del 2017 che collegava erroneamente la sua retorica politica a una sparatoria di massa.

La decisione è stata la seconda volta questa settimana che la sig. Il caso di Palin ha subito una significativa battuta d’arresto. Lunedì, il presidente del tribunale federale di Lower Manhattan, Jed S. Rakoff, ha detto che lo avrebbe fatto respingere il caso se la giuria si è trovata a suo favore.

SM. Palin dovrebbe presentare ricorso.

Il caso è un test importante della legge del Primo Emendamento e dell’altissimo limite legale che la Corte Suprema ha fissato per provare un’accusa di diffamazione contro i giornalisti. Avvocati per la Sig. Palin, l’ex governatore dell’Alaska e candidato alla vicepresidenza repubblicana nel 2008, ha affermato che le protezioni legali di lunga data in atto per proteggere i giornalisti dalla responsabilità di aver commesso errori involontari sono obsolete ed eccessivamente ampie. Un personaggio pubblico come la Sig. Palin deve dimostrare che una testata giornalistica ha agito con “vera malizia” pubblicando informazioni false, il che significa che ha mostrato un disprezzo sconsiderato per la verità o sapeva che le informazioni erano false.

Il Times non perde una causa per diffamazione in un’aula di tribunale americana da almeno 50 anni.

SM. La causa di Palin affermava che il Times l’aveva diffamata un editoriale che affermava erroneamente un legame tra la sua retorica politica e una sparatoria di massa vicino a Tucson, in Arizona, nel 2011 che ha provocato sei morti e 14 feriti, tra cui Gabrielle Giffords, allora membro democratico del Congresso. SM. Il distretto di Giffords era stato uno dei 20 individuati su una mappa fatta circolare dalla sig. Il comitato di azione politica di Palin sotto il mirino digitalizzato. Non c’erano prove che il tiratore avesse visto o fosse motivato dalla mappa.

READ  Mead Loff ha deriso la sua posizione sulle politiche epidemiologiche dopo la sua morte

L’editoriale è stato pubblicato il 14 giugno 2017, lo stesso giorno in cui a uomo armato ha aperto il fuoco in un campo da baseball in Virginia dove si stavano esercitando membri del Congresso repubblicano, ferendo diverse persone, tra cui il rappresentante Steve Scalise della Louisiana. Il titolo era “America’s Lethal Politics” e l’editoriale chiedeva se la sparatoria in Virginia fosse la prova di quanto fosse diventata malvagia la politica americana. Il Times ha corretto l’editoriale la mattina dopo che era stato pubblicato dopo che i lettori avevano evidenziato l’errore.

Sul banco dei testimoni, l’ex redattore del Times che ha inserito la formulazione errata nell’articolo, James Bennet, ha testimoniato che l’incidente lo aveva lasciato tormentato dal senso di colpa e che da allora ci aveva pensato quasi ogni giorno. “È stato solo un terribile errore”, ha detto.

SM. Palin e i suoi avvocati hanno tentato di convincere la giuria che il sig. Bennet aveva agito per ostilità nei suoi confronti e, indipendentemente da qualsiasi contaminazione che in seguito avesse mostrato, era sconsiderato nel precipitarsi a giudicare su di lei.

Il giudice Rakoff ha respinto queste affermazioni nella sua sentenza di lunedì, affermando che la sig. Palin non aveva prodotto prove a sostegno dell’idea che il sig. Bennet ha ignorato la verità o volontariamente o per sua stessa incoscienza. La sentenza è arrivata in risposta a una mozione procedurale di routine degli avvocati del Times per pronunciarsi a suo favore, cosa che gli imputati hanno il diritto di fare dopo che l’attore ha presentato tutte le sue prove alla giuria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.