L’Italia sequestra il Sailing Yacht A del miliardario russo Melnichenko

La polizia italiana ha sequestrato un superyacht di proprietà del miliardario russo Andrey Igorevich Melnichenko, ha detto l’ufficio del primo ministro sabato, pochi giorni dopo che l’uomo d’affari era stato inserito nell’elenco delle sanzioni dell’UE in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Lo yacht a vela A di 143 metri (470 piedi), che ha un prezzo di 530 milioni di euro (578 milioni di dollari), è stato sequestrato nel porto nord di Trieste, ha detto il governo.

OTTIENI FOX BUSINESS IN MOVIMENTO FACENDO CLIC QUI

Progettata da Philippe Starck e costruita da Nobiskrug in Germania, la nave è lo yacht a vela più grande del mondo, ha affermato il governo.

Melnichenko possedeva il principale produttore di fertilizzanti EuroChem Group e la società carboniera SUEK. Giovedì le società hanno dichiarato nelle dichiarazioni di aver rassegnato le dimissioni da membro del consiglio di amministrazione di entrambe le società e di essersi ritirato come beneficiario, a partire da mercoledì.

Lo yacht di lusso “Sailing Yacht A” con la sua forma unica, costruito per il miliardario russo Andrey Melnichenko, naviga oltre l’isola italiana del Giglio il 10 luglio 2018, vicino agli scogli “Scole” dove la nave da crociera Costa Concordia si è schiantata l ((Photo by VINCENZO PINTO / AFP via Getty Images) / Getty Images)

Un portavoce di Melnichenko, Alex Andreev, ha affermato che l’uomo d’affari “non ha alcun rapporto con i tragici eventi in Ucraina. Non ha affiliazioni politiche”.

YACHTS OLIGARCH RUSSI, IMMOBILI DI LUSSO COSTIERI CONQUISTATI DALL’ITALIA: FOTO

“Non c’è alcuna giustificazione per inserirlo nella lista delle sanzioni dell’UE”, ha detto Andreev. “Conteggeremo queste sanzioni infondate e ingiustificate e crediamo che prevarranno lo stato di diritto e il buon senso.

READ  40 La migliore tablet 10 pollici con penna del 2022 - Non acquistare una tablet 10 pollici con penna finché non leggi QUESTO!

Dalla scorsa settimana la polizia italiana ha sequestrato ville e yacht per un valore di oltre 700 milioni di euro (763,63 milioni di dollari) a russi di alto profilo che sono stati inseriti nell’elenco delle sanzioni dell’UE, ha detto sabato il ministro dell’Economia Daniele Franco.

Questa fotografia, scattata il 10 marzo 2022, mostra uno yacht a vela A di proprietà dell’oligarca russo Andrey Melnichenko a Trieste, in Italia. – Lo yacht a vela A è il più grande yacht a motore privato a vela assistita al mondo. (Foto di Jure Makovec / AFP) (Foto ((Foto di JURE MAKOVEC / AFP via Getty Images) / Getty Images)

“Finora abbiamo colpito ciò che era visibile, ora dobbiamo colpire il resto come le partecipazioni. Stiamo facendo un ottimo lavoro per far emergere ciò che è protetto da trust e nomi di facciata”, Giuseppe Zafarana, capo della Guardia di Finanza italiana, ha detto ai giornalisti a Bergamo sabato.

Le operazioni di polizia facevano parte di una spinta coordinata da parte degli stati occidentali per penalizzare i ricchi russi che si dice siano legati al presidente Vladimir Putin.

OLIGARCH RUSSO ALISHER USMANOV’S YACHT $ 600M SEQUESTRATO IN GERMANIA: RAPPORTI

Separatamente, un superyacht ritenuto di proprietà dell’uomo d’affari russo Roman Abramovich è arrivato nelle acque territoriali del Montenegro sabato mattina, secondo un fotografo della Reuters.

Il Solaris è uno di una serie di yacht di proprietà del proprietario del Chelsea Football Club Abramovich, secondo quanto riportato nelle pubblicazioni di beni di lusso SuperYachtFan, SuperYacht Times e Forbes.

La nave di 140 metri (460 piedi) è ormeggiata al largo del resort di lusso Porto Montenegro nella città di Tivat. La barca ha lasciato Barcellona martedì.

CLICCA QUI PER LEGGERE DI PIÙ SU FOX BUSINESS

Giovedì la Gran Bretagna ha imposto sanzioni ad Abramovich, congelando i suoi beni e citando quello che ha definito il suo stretto rapporto con Putin. Abramovich ha negato di avere tali legami.

($ 1 = 0,9167 euro)

(Reportage di Emilio Parodi a Bergamo e Stevo Vasiljevic a Tivat Scrittura di Giselda Vagnoni Montaggio di Frances Kerry)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.