Neil Young: cresce il contraccolpo contro Spotify

I fan furiosi di Neil Young stanno sostenendo il cantante e si impegnano a cancellare i loro abbonamenti a Spotify dopo che il servizio di streaming si è rifiutato di fare marcia indietro sul suo podcast Joe Rogan.

La musica del 76enne è stata rimossa da Spotify dopo aver protestato contro la diffusione della disinformazione sul coronavirus L’esperienza di Joe Rogan, che è uno degli spettacoli più popolari della piattaforma.

Questa settimana, Young ha pubblicato una lettera aperta da allora rimossa indirizzato al suo manager ed etichetta discografica, che ha dichiarato: “Con una stima di 11 milioni di ascoltatori per episodio, [The Joe Rogan Experience]che è ospitato esclusivamente su Spotify, è il podcast più grande del mondo e ha un’enorme influenza.

“Spotify ha la responsabilità di mitigare la diffusione della disinformazione sulla sua piattaforma, sebbene la società attualmente non abbia una politica di disinformazione”.

Ha aggiunto: “Voglio che tu faccia sapere immediatamente a Spotify OGGI che voglio tutta la mia musica fuori dalla loro piattaforma… Possono avere Rogan o Young. Non entrambi. “

Young ha affermato che il podcast di Rogan stava diffondendo “informazioni false” sui vaccini Covid-19 che “potenzialmente stavano causando la morte a coloro che credono che la disinformazione venga diffusa da loro”.

Un portavoce di Spotify ha confermato mercoledì 26 gennaio che la musica di Young era stata rimossa dalla sua piattaforma. La sua musica è stata da allora tornato a SiriusXM negli Stati Uniti.

“Parteggiare con Joe Rogan per Neil Young deve essere il più grande L [loss]”Un fan ha scritto in un tweet ampiamente condiviso.

READ  40 La migliore cancelletto per bambini del 2022 - Non acquistare una cancelletto per bambini finché non leggi QUESTO!

“Neil Young è un eroe. È tutto. Questo è il tweet “, ha scritto l’attivista e autrice Amy Siskind.

“Se tutti gli artisti fossero punk rock come Neil Young forse non saremmo assolutamente fregati dalle società di streaming aziendali”, ha twittato la musicista Margo Price.

Goditi l’accesso illimitato a 70 milioni di brani e podcast senza pubblicità con Amazon Music Iscriviti ora per una prova gratuita di 30 giorni

Iscriviti

La cantante britannica Kate Nash ha commentato: “Ammiro davvero Neil Young per aver ritirato la sua musica da Spotify”.

(Getty Images)

Lo scrittore e comico Tom Scharpling ha scritto: “Adoro i pagliacci che ridono come se Neil Young avesse mai pensato che Spotify avrebbe abbandonato Joe Rogen. Il ragazzo ha preso posizione, ha messo i suoi soldi dove ha la bocca. Costretto come una **** y compagnia a prendere una vera decisione che rivela i colori. Questo è solo uno dei tanti motivi per cui Neil è un all-time”.

Il comico Christopher Titus ha dichiarato di aver cancellato il suo account Spotify, commentando: “[Spotify] ha ritirato tutti i fumetti un mese fa perché non volevano pagarli e non sono pronto a sostenere una folle disinformazione. Ascolto Neil Young.

L’indipendente ha contattato Spotify per un commento.

“Vogliamo che tutti i contenuti musicali e audio del mondo siano disponibili per gli utenti di Spotify. Da ciò deriva una grande responsabilità nel bilanciare sia la sicurezza per gli ascoltatori che la libertà per i creatori “, ha affermato ieri il servizio di streaming nella sua dichiarazione.

“Abbiamo in atto politiche dettagliate sui contenuti e abbiamo rimosso oltre 20.000 episodi di podcast relativi a Covid dall’inizio della pandemia. Ci rammarichiamo per la decisione di Neil di rimuovere la sua musica da Spotify, ma speriamo di dargli il benvenuto presto”.

All’inizio di questo mese, 270 membri della comunità scientifica e medica hanno scritto una lettera aperta a Spotify, affermando che Rogan consentire che le affermazioni non vengano verificate può “danneggiare la fiducia del pubblico nella ricerca scientifica e seminare dubbi sulla credibilità della guida basata sui dati offerta dai professionisti del settore medico”.

“Questa non è solo una preoccupazione scientifica o medica; è una questione sociologica di proporzioni devastanti e Spotify è responsabile di consentire a questa attività di prosperare sulla sua piattaforma “, afferma la lettera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.