Più di 1,5 milioni di persone sono passate dall’Ucraina ai paesi vicini

I corridoi umanitari nelle città ucraine sudorientali di Mariupol e Volnovakha saranno aperti di nuovo oggi, secondo l’agenzia di stampa statale russa TASS.

Un certo scetticismo sulle rotte è cresciuto dopo che sabato le autorità ucraine hanno sospeso l’evacuazione dei civili, citando le violazioni russe del cessate il fuoco.

“In mattinata, i corridoi umanitari saranno riaperti sia a Mariupol che a Volnovakha”, ha detto ai giornalisti Eduard Basurin, vice capo della cosiddetta Milizia popolare della Repubblica popolare di Donetsk, ha riferito TASS.

I civili nella maltrattata città portuale ucraina di Mariupol sono intrappolati senza elettricità e acqua e incapaci di recuperare i loro morti, ha detto sabato il sindaco, accusando la Russia di cercare di “soffocare” la città chiudendo le vie di evacuazione concordate.

Sabato la Russia ha concordato un cessate il fuoco per consentire ai civili di lasciare in sicurezza Mariupol e Volnovakha, dove i residenti hanno subito giorni di bombardamenti pesanti e indiscriminati.

Ma le evacuazioni sono state sospese, con le autorità ucraine che hanno accusato la Russia di aver violato l’accordo riprendendo i suoi attacchi, lasciando migliaia di civili intrappolati in quelle che le persone sul campo descrivono come condizioni sempre più terribili.

Un altro tentativo di aprire un corridoio umanitario per i civili nella città di Mariupol inizierà alle 12:00 locali (5:00 ET), ha dichiarato domenica il governatore della regione di Donetsk, Pavlo Kyrylenko, sul suo account Twitter ufficiale.

Un cessate il fuoco sarà in vigore dalle 10:00 alle 21:00 ora locale domenica, ha detto Kyrylenko.

READ  'Don't Say Gay': la Disney si scontra con DeSantis per il disegno di legge della Florida | Florida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.