William Hurt, protagonista degli anni ’80 premio Oscar, muore a 71 anni

Negli ultimi anni ha lavorato di più in televisione, tra cui la serie FX “Damages” e il dramma di fantascienza britannico “Humans”. Era anche nel film per la televisione del 2013 “The Challenger Disaster”, che in un’intervista del 2015 ha spinto The Guardian a chiedergli se fosse interessato ai viaggi nello spazio.

“Mi interessano tutti gli orizzonti e cosa c’è dall’altra parte”, ha detto. “Sappiamo meno dell’oceano di quanto non sappiamo dello spazio. Mi piace nuotare, galleggiare e volare. ”

William McChord Hurt è nato il 20 marzo 1950 a Washington, figlio di Alfred Hurt, un diplomatico di carriera, e Claire Isabel (McGill) Hurt, che ha lavorato presso Time Inc. Quando Bill aveva 6 anni, i suoi genitori si separarono e sua madre si sposò Enrico Luce IIIfiglio del fondatore della rivista Time.

Sig. Hurt ha frequentato la Tufts University e ha continuato a studiare recitazione alla Juilliard. Entro la seconda metà degli anni ’70, stava attirando l’attenzione sui palchi di New York, in particolare apparendo nell’opera teatrale di Lanford Wilson “5 luglio” a Circle Rep nel 1978. Nel 1981, Frank Rich, recensindo “Childe Byron” a Circle Rep per The Times, lo ha individuato.

“Forse William Hurt è stato ora scoperto da Hollywood (“Altered States”, “Testimone oculare”), ma non ha perso nulla di quella pazza intensità che lo rende una gioia da guardare a teatro”, ha affermato il Sig. Ricchi è iniziata la revisione. “Ciò che rende questo attore di talento così speciale – e, inevitabilmente, una star – è la sua capacità di creare la propria realtà sul palco. Anche se può creare un personaggio potente quando vuole (come ha fatto con Kenneth Talley nella produzione originale di “Fifth of July”), è pronto a essere affascinante senza l’aiuto di un drammaturgo”.

READ  Guerra Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale e video

Se la sua recitazione ha attirato i rave, Mr. La vita personale di Hurt era rocciosa. Ha avuto una relazione con la sua co-protagonista in “Children of a Lesser God”, Marlee Matlin, che in seguito ha descritto come violenta. Una relazione a lungo termine con Sandra Jennings, una ballerina, è approdata in tribunale nel 1989, con la sig. Jennings sostenendo, senza successo, che erano effettivamente sposati. I suoi matrimoni con Mary Beth Hurt e Heidi Henderson si sono conclusi con un divorzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.